Come raggiungerci

Lo studio si trova in via Baracchini 7, tra Via Baracca e Via Di Novoli 

 

In auto

 

Dai Viali-Fortezza 

Imboccare Viale Francesco Redi (indicazioni per Prato-Sesto F./Aeroporto A. Vespucci)

Viale Francesco Redi svolta a destra e diventa Via di Novoli 

Attraversa 2 rotonde (1,2 km)

Alla rotonda prendi la 3ª uscita e prendi Via Flavio Baracchini

Lo studio si trova sulla destra

 

Dal Viadotto all’Indiano (Casello autostradale Firenze Scandicci o SGC Firenze- Pisa-Livorno)

Entra in Viadotto del Ponte all’Indiano

Dopo 1,9 km Imboccare svincolo per Centro/Pistoia/SS66 dopo 400 m

Svolta a destra e prendi Via Pistoiese

Dopo 450 m Svolta leggermente a destra e prendi Via Francesco Baracca

Alla rotonda, prendi la 1ª uscita e rimani su Via Francesco Baracca (800 m)

Svolta a sinistra e prendi Via Flavio Torello Baracchini

Lo Studio legale Tranchina è sulla sinistra

 

Mezzi pubblici

 

Dalla fermata Baracca-Il Barco

Proseguire verso il centro, lasciando la LIDL alle proprie spalle. Lo Studio è sulla sinistra dietro il distributore di benzina 

 

Dalla stazione Leopolda (o da Firenze SMN raggiungendo la stazione Leopolda con una fermata di Tramvia Linea 1)

Linea 29/30/35, fermata Baracca-il Barco

 

Dalla Stazione le Piagge 

Linea 56, fermata Baracca il Barco 

 

Dalla Stazione di Firenze Rifredi 

Linea 5, fermata Baracca-Il Barco

 

Dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella

Linea 22. Scendere alla fermata Torre degli Agli-Versilia, tornare indietro verso via di Novoli, girare a destra in via di Novoli e proseguire per circa 200 metri, quindi girare a sinistra e percorrere via Baracchini. Lo Studio si trova sulla destra

News dello studio

nov28

28/11/2018

Partita Aperta - Strategie e gioco di squadra per la vita da freelance

Partita Aperta - Strategie e gioco di squadra per la vita da freelance

Tutele e mercato. Il momento e il posto giusto in cui sollevare le domande che avresti sempre voluto fare: come impostare al meglio i contratti con i clienti? Come gestire il recupero crediti, la malattia